L'Etiopia è un paese affascinante al nord, tra montagne vulcaniche e scenari naturali unici, troviamo il lago Tana, con più di trenta isolette su cui sorgono importanti chiese e monasteri. Da questo lago nasce il Nilo azzurro che poco più a sud dà vita a spettacolari cascate. A Nord del Lago Tana si incontra la città sacra di Axum, dove il cristianesimo fu dichiarato religione di stato, interessanti le città di Gondor e Lalibela. La prima, si trova su una collina, ed è famosa per i castelli di tradizione medievale iberica. Lalibela, invece, è conosciuta per le sue chiese ipogee, scavate nel tufo rosso e collegate tra loro da una serie di cunicoli. Ad est di Addis Abeba è possibile spostarsi nella regione della Dancalia e visitare il Parco Nazionale Awash, paradiso per gli ornitologi, dove si incontrano quasi 400 specie di uccelli. La Dancalia è il punto più basso dell'Africa e anche il più caldo della Terra ma molto suggestivo dal punto di vista naturale. È caratterizzata dalla presenza di alcuni vulcani attivi tra cui il Erta Ale Degna di essere menzionata, infine c'è la valle del fiume Omo inserita tra i siti patrimonio dell'umanità dell'Unesco per esser stata culla dei primi uomini.

La popolazione dell'Etiopia è molto diversificata e comprende più di 80 diversi gruppi etnici. Secondo il censimento del 2007, i più grandi gruppi etnico sono; l'Oromo o Galla, gli Amara e i Tigre. Altri gruppi etnici importanti sono i: Sidamo, Somali, Guraghe, Welayta, Danachili (dancali o afar), Hadiya, Gamo e altri gruppi minori (grafico gruppi etnici).

Nel paese vengono parlate circa novanta lingue distinte. I primi gruppi linguistici comprende l'Oromiffa, parlata dal popolo degli Oromo e l'amarico, parlata dal popolo Amhara e tigrino parlata dal popolo Tigray-Tigrinya. Insieme, questi tre gruppi costituiscono circa i tre quarti della popolazione dell'Etiopia. Altre lingue afro-asiatiche con un numero significativo di relatori comprende il Cuscitico Sidamo, Afar, Hadiyya e le lingue Agaw così come le lingue semitiche Guraghe, Harari, Silt'e e Argobba e lingue somalo parlata dal popolo somalo. Dal 1995 l'amarico è riconosciuto come lingua ufficiale del governo federale, mentre l'inglese è la lingua straniera più parlata ed è il mezzo di insegnamento nelle scuole secondarie.

Nonostante la rapida crescita dell'economia Etiope negli ultimi anni, il PIL pro capite è tra i più bassi al mondo e l'economia deve affrontare una serie di gravi problemi strutturali. La produttività agricola è bassa e le frequenti siccità affliggono ancora il paese; l'agricoltura viene praticata con metodi tradizionali. Sugli altopiani si coltivano il caffè per l'esportazione, ortaggi, legumi e frumento; nelle zone più umide si coltivano cotone e tabacco.



- - Home - - Menu - -

Cliccare sulle immagini per ingrandirle e farle scorrere.


Menu